Come capire se un webmaster ti sta fregando con la storiella di Facebook

Ricordi il video telefono Telecom?? Se la tua risposta è “no”, ecco qui lo spot che ha allietato i nostri pranzi e le nostre cene per mesi e mesi nel periodo 2007/2008.

 

Sembrava ieri quando stavamo per pensare che le video chiamate sarebbero state il nostro futuro imminente: Telecom lancia il videotelefono, Tre faceva dei suoi videofonini UMTS il proprio cavallo di battaglia e tutti noi eravamo convinti che appena le tariffe si fossero abbassate a livelli accessibili, avremmo cominciato a videochiamarci.

Poi… PUFF! È arrivato il 2015 e noi al massimo ci mandiamo gli sms su whatsapp… Chi è particolarmente lanciato usa i messaggi vocali.

Ma non tutti perchè nel regno della bassa autostima patologica circa la metà della popolazione italiana ha vergogna ad ascoltare la propria voce registrata.

E cosa centra il videotelefono con Facebook ed i siti web?

Se in uno degli articoli scorsi ti ho dato un po’ di validi motivi per non affidarti a webmaster improvvisati (3 motivi per non affidare il sito web aziendale a tuo nipote), in questo articolo ti dimostrerò i principali motivi per cui alcuni webmaster vanno dicendo (e facendo un sacco di danni a imprenditori di tutti i settori) che i siti web sono sorpassati ed il futuro è Facebook ed i social network.

Come al solito, la risposta ideale a qualsiasi quesito sarebbe “dipende dagli obiettivi”.

A me piace essere schietto e trasparente e quindi ti dico: sì, se il tuo obbiettivo è quello di creare una pessima reputazione per la tua azienda, avere un sito aziendale è perfettamente inutile. In questo caso punta tutto su Facebook. Così potrai avere la tua fantastica pagina, senza sapere minimamente come va usata per vendere, e potrai pensare che sei 1000 anni avanti rispetto “agli sfigati che usano ancora il sito web”.

Finalmente sarai all’avanguardia come loro. Come i webmaster della domenica. I nipoti. I cuGGini che ti fanno il sito a 200€.

Quelli che per loro “fare il sito” significa prendere 4 foto sgranate e sbatterle in rete alla rinfusa usando sempre la stessa grafica scaricata illegalmente da internet. Quindi, se vediamo un sito web come un modo di inserire in internet qualche fotografia, telefono indirizzo ed e-mail dell’azienda, e scrivere i giorni di chiusura in occasione del ferragosto…… Si, Facebook espleta benissimo queste funzioni e spesso si presenta persino meglio dei siti web che qualsiasi webmaster della domenica potrebbe realizzare.

Ma come al solito ti faccio una domanda:

Preferisci che il sito web della tua attività sia qualche centinaio di euro buttati via a fondo perduto o che diventi un generatore di contatti che ti aiutano a rimpolpare di denaro sonante le casse della tua azienda?

Esatto. La seconda.

Quindi lascia che ti spieghi perchè è giusto paragonare un webmaster che afferma che “il sito web aziendale è inutile perchè in futuro saranno tutti sostituiti dalle pagine aziendali su Facebook” con la tizia della foto sotto.

[Se non conosci bene l’inglese ecco la traduzione. Domanda: Quale dei seguenti elementi è più grande? Risposte: B- Un elefante, C- La Luna. Risposta data dalla tizia: B- Un Elefante]

fail-facebook

Se invece ti interessa sapere perchè adottare una pagina Facebook al posto del sito web può portare la tua azienda al tracollo, prosegui la lettura.

Ricordi il principio secondo il quale la tua piccola-impresa non ha le stesse esigenze di una multinazionale? (Sapevi che un sito web perfetto ti fa perdere clienti? Ecco il motivo) Ecco, Facebook può rientrare in questo campo di discussione.

Perchè Facebook può essere il trampolino del tuo fatturato, il fattore determinante per il successo ed allo stesso tempo una vetrina assolutamente unica per la tua azienda. Tutto questo SE sai come sfruttare il potenziale di Facebook e ti puoi permettere di investirci quanto serve.

Facebook è un’arma a doppio taglio come una Ferrari. Se la sai usare come si deve ti dà un divertimento senza pari. Ma se non la sai usare decentemente ti porta nell’aldilà prima che tu te ne possa rendere conto.

Vediamo perchè:

Facebook è usato da 1,23 miliardi di utenti in tutto il mondo, di cui 25 milioni in Italia. Quindi potenzialmente potrebbe dare una visibilità immensa alla tua aziendina facendola vedere a un numero veramente vasto di persone di qualsiasi età, zona geografica, classe sociale e via dicendo.

Potenzialmente, dicevamo.

Perchè la pagina Facebook, così come il tuo sito, per funzionare richiede che ci siano delle persone che la visitano. Quindi, a meno di investire almeno 7-800€ per delle inserzioni che ti portano un piccolissimo bacino di pubblico vagamente interessato a ciò che fa la tua azienda, Facebook non risolve il problema di renderti più visibile (Ok, a parte i 127 amici che ti metteranno il “mi piace” per pietà ma a cui in realtà non interessa nulla della tua azienda e del prodotto che offri al mercato, quindi sono contatti totalmente inutili dal punto di vista commerciale).

Inoltre, devi sapere anche un’altra cosa: le persone sono abituate ad usare Facebook per dare sfogo a tutti i loro pensieri indistamente, anche i più idioti. Quindi se decidi di creare la pagina aziendale su Facebook, aspettati di ricevere in privato ma soprattutto in pubblico qualsiasi tipo di richiesta: domande intelligenti, domande stupide, richieste di prezzi e preventivi, ecc. A qualsiasi ora del giorno e della notte. E tutte queste interazioni con il pubblico del social network metteranno a dura prova la reputazione della tua azienda. Perchè come si dice da decenni: noi comunichiamo sempre, anche stando in silenzio ed anche senza volerlo.

Infatti, la realtà, è che Facebook è la ciliegina sulla torta per un’azienda. Facebook serve per creare un canale di comunicazione diretto e trasparente con i tuoi clienti e potenziali tali. Facebook è per le aziende che, oltre ad avere una strategia marketing allucinante alle spalle, hanno molto a cuore la possibilità di dimostrare pubblicamente la propria cristallinità ed onestà intellettuale creando un luogo completamente libero in cui esporsi al giudizio pubblico e dove tutti si possono esprimere liberamente: la pagina Facebook, appunto.

Tramite una pagina Facebook, a seconda di come la gestisci, puoi comunicare molte cose (inconsapevolmente):

  • SE rispondi in maniera etica e cordiale a tutti coloro che ti scrivono, indipendentemente da ciò che dicono, sei OK
  • SE rispondi a tutti ma ci metti più di 48 ore NON SEI PROFESSIONALE (perchè, giustamente, se hai deciso di aprire una pagina Facebook avresti dovuto essere consapevole che poi avresti dovuto stargli dietro un po’ di tempo ogni giorno, e non un’ora ogni 10 giorni)
  • SE rispondi solo a chi ti scrive cose positive e non rispondi a chi ti scrive critiche o cose che non ritieni interessanti, sei SFIGATO
  • SE addirittura ti azzardi a rimuovere dal profilo i post meno utili o le critiche, sei un PEZZO DI MERDA
  • SE blocchi la messaggistica ed i post pubblici HAI QUALCOSA DA NASCONDERE
  • SE hai una pagina aziendale che non è aggiornata da parecchio tempo, sei un’azienda TRASANDATA
  • SE, pur di tenere aggiornato il tuo profilo, pubblichi post poco attinenti con la tua attività o che suscitano poco interesse nel tuo pubblico di riferimento, sei un IMBROGLIONE che pensa di prendere in giro i suoi clienti
  • SE dedichi tempo e impegno ogni giorno a stendere contenuti originali di tuo pugno, sei SERIO
  • SE pubblichi molti post o fotografie sei uno che LAVORA POCO (e anche se sarebbe un aspetto positivo nella nostra società non va bene)
  • SE pubblichi opinioni o racconti personali sei POCO PROFESSIONALE
  • SE pubblichi solo post di tipo professionale sei FREDDO e MONOTONO
  • SE pubblichi troppi post riguardo alla tua azienda sei uno che FA SPAM
  • SE pubblichi pochi post riguardo alla tua azienda sei uno che NON HA NULLA DI INTERESSANTE da mostrare
  • Eccetera, eccetera, eccetera

 

Se invece NON hai una pagina Facebook eviterai di dare adito a qualsiasi persona di poter dare una propria interpretazione a come aggiorni Facebook, ed ognuno dei tuoi potenziali clienti sarà libero di farsi l’idea che più gli piace riguardo a te ed alla tua azienda senza cadere in uno dei pensieri-automatici elencati sopra.

Facebook ti può far prendere molti clienti se lo usi con molta consapevolezza all’interno di una strategia di visibilità molto più ampia ed articolata. Se lo usi per promuovere la tua azienda solo perchè “lo fanno tutti e quindi non può essere così sbagliato” rischi solamente di far allontanare le persone da te e null’altro. In questo caso, l’unico aspetto positivo che ci può essere è che la tua pagina non abbia nessuno che la segue. E quindi nessun potenziale cliente che allontanerai.

Quindi, se vuoi veramente il bene della tua azienda e non vuoi rischiare di perdere qulche cliente che rinuncia a contattarti perchè ha visto un aspetto della gestione della tua pagina Facebook che l’ha urtato, molto semplicemente: NON fare la pagina Facebook della tua azienda. O, se proprio la vuoi fare per appagare una tua masturbazione mentale, falla in uno dei seguenti modi:

  • Lasciala il più asettica possibile e non inserire nessun contenuto se non l’indirizzo della tua sede ed i contatti telefonici/e-mail;
  • Metti in conto 200/300/400€ al mese (come minimo eh) da dare ad una persona che te la sappia gestire in modo corretto. E, per intenderci, serve una figura che si occupa di pubbliche relazioni, non la tua segretaria che tra una fattura ed un DDT va su Facebook a aggiornare la timeline.

 

Riassumendo, chi ti dice che “Facebook sostituisce il sito web”…

Lo fa perchè:

  1. non conosce le dinamiche presenti nel pubblico di internet di cui ti ho appena parlato in modo sintetico ma ancorato alla realtà dei fatti;
  2. non ha la più pallida idea della diversa funzione di un sito web e di una pagina Facebook;
  3. non prende in considerazione le dinamiche che portano un potenziale cliente che ti trova tramite internet ad alzare il telefono e chiamarti o a passare all’azienda successiva nella ricerca di Google.

 

Spesso colui che afferma che “i siti web non servono più perchè ora si usano le pagine Facebook” in realtà non è webmaster o webmarketer, ma una persona che si improvvisa esperto di internet: quasi sempre è un grafico o uno smanettone che non sa nulla di come si programma un sito.

Per una persona senza competenze, ovviamente, è molto molto complicato mettersi lì a realizzare da zero un sito web di qualità accettabile; quindi ora questo tipo di “professionisti del web” se ne escono con la trovata di rimpiazzare il sito aziendale con la pagina Facebook in modo che si trovano la pappa pronta senza troppi sbattimenti. Così a loro rimane solo da andare su Facebook, fare 3 click, caricare qualche fotografia, i numeri di telefono, l’indirizzo della sede e chiederti il conto.

Diciamoci la verità… da uno che chiede 2/300€ per un sito web, non si può pretendere un servizio “orientato alle esigenze del cliente” (cioè un sito che ti aiuta realmente a generare più fatturato). Al massimo sarà orientato alle sue (del “webmaster”) di esigenze: cioè farlo in poco tempo, non dover preoccuparsi della manutenzione dell’hosting (contro hacker, virus, spam, eccetera), ed incassare i soldi il prima possibile (possibilmente in nero). Per evitare questo tipo di problemi la soluzione è usare Facebook!

Capisci ora perchè è totalmente stupido e controproducente affidarsi ad un personaggio del genere?

E, numeri alla mano, ti posso dimostrare quando vuoi che darti un servizio web ad una cifra che si aggira sui 2/300€ è possibile solo in due modi:

  • realizzando un sito web aziendale penoso e ridicolo (che fa scappare i visitatori anzichè convincerli a contattarti), o
  • convincerti a rinunciare al sito web e “creare” la pagina Facebook facendoti bere la storia che “i siti non li guarda più nessuno perchè la GGente stanno tutti su Facebook ormai”

 

marketing-fail

 

Non fraintendermi però: Facebook (ed in generale qualsiasi social) è un ottimo strumento per dare ridondanza alla tua azienda, alle tue iniziative, e per mantenerti in contatto con i tuoi follower. Io stesso lo uso come principale canale di marketing. Ma… c’è un “ma”.

Se vuoi usare internet per far guadagnare la tua azienda, ti serve un ambiente TUO che sappia far capire ai visitatori che puoi risolvere i loro problemi.

E questo luogo totalmente incentrato sulla tua azienda ed i tuoi servizi o prodotti si può avere solo tramite un sito internet di proprietà della tua azienda, che dia un’idea di professionalità e che metta in risalto la tua identità ed i punti di forza della tua azienda! Il che significa innanzi tutto che un sito web è un canale di comunicazione infinitamente più istituzionale rispetto alle pagine Facebook dove sei ospite di altri e le persone ricevono 10.000 distrazioni al minuto tra notifiche, messaggi e banner pubblicitari.

Inoltre, data proprio la natura istituzionale di un sito web, sul tuo sito internet aziendale i visitatori non sentono tutta questa esigenza di comunicare in real-time con te come capita su Facebook.

Per questo motivo, salvo che tu non decida di inserire delle svastiche vicino al logo della tua azienda, ti salvi dal pericolo di fare una delle figuracce elencate sopra. Questo perchè utilizzando un sito aziendale al posto della pagina Facebook, non hai il problema di dover gestire le pubbliche relazioni dei social.

Il fatto di non utilizzare Facebook ti evita il pericolo di perdere clienti ancora prima di averli conosciuti!

Con questo non intendo dire che tu sia uno scemo che non è capace di rispondere a 2 commenti su Facebook! Anzi, sono convinto che tu sai fare ottimamente il tuo lavoro ma è chiaro che non puoi essere anche un esperto di comunicazione sui social network al punto tale da riuscire a sfruttarli per generare reali profitti. Il pericolo maggiore è che, avventurandoti con la tua azienda sui social network, tu non sappia gestire alla perfezione il pubblico social e quindi rischi di avere più danni che benefici se non hai nessuno che ti affianchi in queste operazioni o senza aver fatto un po’ di formazione a monte!

Fai tesoro di ciò che impari in questo blog!

Tu che stai leggendo questi articoli però puoi avere una marcia in più rispetto ai tuoi concorrenti che, nella maggior parte dei casi, si affidano proprio ai professionisti improvvisati per gestire la loro azienda sul web.

Dedicando 4-5 minuti alla lettura di un articolo come questo (e gli altri) ora puoi permetterti di approcciare il web in modo realmente profittevole! Senza investire risorse in operazioni asettiche, senza le perdite dovuta al “mancato incasso” dei contatti bruciati con una errata strategia sui social network e con la consapevolezza che se e quando implementerai una strategia social seria lo potrai fare nel modo corretto e quindi aspirando a grandi risultati.

Fino a quel giorno, anzichè diperdere soldi, contatti e tempo in 100 cose diverse, concentra gli investimenti per far funzionare l’unica cosa che ha REALMENTE il potenziale di aumentare il flusso di soldi in entrata nelle tue tasche: il sito aziendale.

Se poi vuoi essere sicuro di non ritrovarti con un “sito vetrina” di bellezza e poco utile a fatturare, sai già cosa devi fare: realizzare un SitoFuoriclasse!

Il motivo per cui dovresti farlo te lo dico con una domanda: se hai bisogno di far conoscere ad un cliente le peculiarità di un prodotto/servizio che gli vuoi vendere… sarà più efficace descriverglielo su Facebook tra una notifica ed un banner pubblicitario, o sul tuo sito web aziendale attraverso un percorso pre-costruito fatto di pagine progettate per vendere (come quelle che puoi avere, appunto, rivolgendoti a SitoFuoriclasse)?

Bando alle ciance. Clicca qui e chiedici un preventivo. Se poi sarà troppo alto per le tue aspettative potrai sempre farti realizzare un sito aziendale “classico” ed implementare da solo le varie strategie di vendita che impari leggendo questo blog 😉

Perchè l’unica cosa certa è che chi passa dalle mani di SitoFuoriclasse non si ritrova mai con un sito web inutile per le mani.

HEY..! GUARDA QUI!

Metti il turbo alle tue vendite da richieste di preventivo mettendo in pratica ciò che è scritto in questa SUPER GUIDA di 30 pagine!
Puoi averla GRATIS se ti iscrivi ORA alla nostra newsletter:

NO SPAM! I tuoi dati saranno protetti secondo il D.Lgs 196/2003 come descritto a questa pagina